Utilità

SANITÀ

 

Per la maggior parte il sistema sanitario pubblico Sudafricano  soffre in termini di risorse e, nonostante Cape Town  vanti alcune  eccellenti facilita’ pubbliche, e’ consigliabile un’assicurazione sanitaria.
​A seconda delle opzioni messe a disposizione dall’assicuratore e’ possibilie istituire un conto di risparmi dedito alle spese curative o/e acquisto medicinali o programmi selettivi per essere coperti in situazioni specifiche.
​Le sudette variano a seconda di necessita’ e di prezzo ed e’ importante assicurarsi che il vostro  medico o specialista siano affiliati ​con la rispettiva assicurazione e se l’assicuratore prevede il pagamento diretto o il rimborso post fattura. E’ consigliabile optare anche per una copertura divario. Le tariffe mediche non sono regolate e pertanto il medico o lo specialista puo’ chiedere oltre il ​totale previsto dall’assicurazione (anche il 300%). Una copertura aggiuntiva copira’ qualsiasi differenza ad un costo relativamente basso.

 

​Va detto che il settore privato e’ eccelente e’ rende il Sud Africa meta molto ambita nel continente per chi cerca un livello elevato di cure e professionalita’. ​

 

Vi preghiamo di contattarci per ulteriori informazioni riguardo le compagnie assicurative.

 Sud Africa esiste un sistema sanitario pubblico e un sistema sanitario privato.

Il sistema pubblico soffre di carenza di risorse, e i tempi di attesa sono quasi sempre estremamente lunghi, sebbene malgrado questo in alcuni ospedali pubblici il livello di cure offerte sia ottimo.

A causa delle scarse risorse e le lunghe liste di attesa sono soprattutto le fasce della popolazione meno abbienti che ricorrono al sistema sanitario pubblico. Il sistema sanitario privato è eccellente, sia per quanto riguarda le strutture sia per quanto riguarda la preparazione dei medici, tanto che molti si recano in Sud Africa proprio per far uso di cure specialistiche in loco.

I costi delle cure non sono esorbitanti, ma per chi si trasferisce a vivere in Sud Africa è indispensabile stipulare un’assicurazione sanitaria privata, sempreché non sia già inclusa nei benefits del contratto di lavoro.

 

Scelta dell’assicurazione o medical aid

 

Le assicurazioni sanitarie fra cui scegliere sono circa una trentina, la più diffusa di gran lunga è Discovery Health (con 2,5 milione di assicurati), altre sono per esempio Bonitas, Medshield, Fedhealth, Momentum, Liberty, Genesis, Medihelp, Resolution, Profmed.
Le assicurazioni hanno un tariffario con le cifre rimborsabili per ogni trattamento medico (medical aid rate), e qualora il medico o lo specialista pratichi tariffe più elevate, la differenza rimarrà a carico dell’assicurato.
In alcuni casi l’assicurato dovrà pagare il medico per poi chiedere il rimborso all’assicurazione. Nel caso invece in cui il medico sia direttamente affiliato all’assicurazione, il paziente non deve anticipare nulla.

Ogni assicurazione offre varie opzioni o plan, dalla più semplice ed economica che copre soltanto le spese mediche nel caso di ricovero ospedaliero, alla più estesa che rimborsa tutte le spese mediche senza eccezione. In alcuni casi viene costituito un “conto di risparmio medico” a cui attingere nel caso di spese non coperte da assicurazione.
Le opzioni sono le seguenti:

  • hospital plan: rimborso limitato a spese nel caso di ricovero ospedaliero (in clinica privata)
  • hospital plan with savings: come sopra, con un “conto di risparmio medico” per visite ambulatoriali (medico generico, dentista, spese per medicinali, ecc)
  • limited day-to-day cover: spese ospedaliere più visite ambulatoriali entro un certo limite
  • gp network: spese ospedaliere più visite da un medico generico prescelto
  • comprehensive: spese ospedaliere più visite ambulatoriali e altro (es psicologo)

Ci sono inoltre assicurazioni che, come Discovery, offrono ulteriori benefici come sconti su cibi “sani” presso alcuni supermercati (frutta, verdura, ecc.), sconti sull’abbonamento alla palestra, e addirittura accesso al cinema a prezzi ridotti. La scelta dell’assicurazione medica deve essere fatta pertanto sulla base delle esigenze personali.

 

prezzi delle assicurazioni variano da un minimo di 1100 Rand al mese per le opzioni di sole spese ospedaliere a oltre 4000 Rand al mese per le opzioni più complete o comprehensive plan (prezzi aggiornati al 2016).
Siti utili per un paragone delle opzioni disponibili: medicalaidcomparisons.co.za e medquote.co.za

 

Strutture ospedaliere e medici a Cape Town

 

medici ricevono in studi privati, studi associati e presso gli ospedali.
Curiosità: i medici in Sud Africa sono estremamente attenti a non violare il senso del pudore dei pazienti. Se è necessario spogliarsi per la visita, vi verrà offerto un camice per coprirvi.
E’ utile informarsi prima di prendere un appuntamento se il medico pratica le tariffe rimborsate dalle assicurazioni o medial aid rate.
Per una lista dei medici in Sud Africa vedere il sito, molto completo, medpages.co.za.
In caso di urgenza, se non avete ancora trovato un medico di fiducia, VivereCapeTown raccomanda:

  • studio di medicina generica Hofmeyer Street Practice, Gardens, tel. 021 423 2425
  • farmacia di Wellness Warehouse in Kloof street, Gardens, ben fornita anche di medicinali alternativi
  • ospedale Cape Town Medi-Clinic di Gardens

Gli ospedali privati appartengono a tre gruppi principali: Medi-ClinicNetcare e Life Healthcare che operano in tutto il Sud Africa e anche in alcuni casi nei paesi confinanti.
Le principali cliniche private di Cape Town, divise per zona (per vedere la cartina delle zone vai alla pagina sui quartieri) sono:

 

Centro città

 

Southern Suburbs

 

Northern Suburbs e West Coast

Discovery

0860 751 751

insureinfo@discovery.co.za

OUTsurance

08 600 60 000

08 600 70 000

Sanlam

0860 726 526

life@sanlam.co.za

Fedhealth

Details

Profmed

Details

Santam

Details

Hollard

Details

Mutual & Federal

Details

TRASPORTI

 

 

DALL’AEROPORTO

L’aeroporto si trova a 22km a est della City. La strada di collegamento diretta e’ la N2, sulla quale il tragitto dura normalmente 15-20 minuti circa.

Nelle ore di punta ( giorni feriali 7-9 e 16.30-18 ) il percorso puo’ durare anche 45 min. La rete bus MyCiti è il modo più conveniente per raggiungere

l’aeroporto. Il bus lascia l’aeroporto ogni 20 minuti tra le 05h10 e le ore 22.00. Per ulteriori informazioni sulle linee di autobus MyCiti, telefono +27

860 103 089 o visitare il sito MyCiti. www.myciti.org.za.

Dall’aeroporto è possibile anche noleggiare un’auto, prendere un taxi con tassametro o semplicemente scaricare l’app Uber e attendere che un conducente arrivi a prendervi. Un taxi costerà tra R300 e R400 .Alcuni hanno tariffe flat, mentre altri fanno pagare a chilometro, ma in entrambi i casi si dovrebbe concordare in anticipo ciò che potrebbe essere il costo.

 

GIRARE IN MACCHINA

 

È possibile organizzarsi per noleggiare una macchina al Cape Town International Airport prima di arrivare, attraverso le aziende come Sixt. L’ infrastruttura stradale è eccellente e i segnali stradali sono tra I più alti per gli standard internazionali. Se avete intenzione di dirigervi a Cape Town partendo da qualche parte in Sud Africa, considerate tre arterie che portano in Città dall’interno:

 

• La N1 da Johannesburg attraverso il Karoo e Cape Winelands;

• La N2 dalla Garden Route e Overberg via Cape Town International Airport Somerset West

• La N7 dalla West Coast e Namibia.

 

Guidiamo sul lato sinistro della strada, e le auto sono veicoli con guida a destra. Tutte le distanze, limiti di velocità sono in chilometri. Indossare lee cinture di sicurezza è richiesto dalla legge, e l’utilizzo di telefoni portatili durante la guida è contro la legge. Il limite generale di velocità sulle strade principali è 120 chilometri all’ora (75 miglia all’ora), su strade secondarie è 100 chilometri all’ora (60 miglia all’ora), in centri abitati di solito è 60 chilometri all’ora (35 miglia all’ora), se non diversamente indicato. Qualsiasi licenza di guida valida è accettata.

 

TRENO

 

Mentre il sistema ferroviario a Città del Capo si concentra principalmente sul trasporto dei pendolari, la Southern Line Rail Route, che si estende da Città del Capo a Simon’s Town, è altamente raccomandato aii visitatori. Il treno si ferma in diversiborghi e villaggi costieri lungo la strada ed è un’opzione conveniente. Viaggiare in treno puo’ avere dei ritardi , quindi è importante tenerlo a mente quando si pianifica una giornata. Come per i viaggi in treno in molte parti del mondo, è anche importante essere consapevoli dei potenziali borseggiatori. Per ulteriori informazioni sui viaggi in treno a Città del Capo, visitare il sito web Metrorail Western Cape. www.metrorail.co.za

 

MYCITI

 

MyCiTi un servizio di autobus di Città del Capo moderno, in programma. bus MyCiTi conformità a severi standard Euro 5 sulle emissioni per ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente. Dove andare con MyCiTi?

 

Percorsi attuali collegano il parco giochi turistico della città centrale con i principali punti di riferimento, come il V & A Waterfront, funivia

Table Mountain, Sea Point Promenade e le spiagge incontaminate di Camps Bay e Clifton, con il villaggio di pescatori di Hout Bay lungo la costa atlantica. Il servizio MyCiTi viaggia anche a nord della città centrale, alla periferia costa occidentale intorno Table View e lungo la costa Blouberg, con i suoi panorami da cartolina di Table Mountain e Robben Island in Table Bay.

 

MyCiTi opera fino a 18 ore al giorno a seconda del percorso, in modo che il grado di godere di molte attrazioni della città dalla mattina presto fino a lungo dopo il tramonto. Per saperne di più sui percorsi e servizi di MyCiTi visitando il sito dettagliata MyCiTi.org.za o chiamando gli operatori amichevole presso il Centro il trasporto delle informazioni al numero 0800 65 64 63, (disponibile in inglese, Afrikaans e isiXhosa) ed è gratuito da rete fissa 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Per ulteriori informazioni è possibile e-mail: transport.info@capetown.gov.za, visitare il il mobi-sito o comporre * 120 * 1040 # da qualsiasi telefono cellulare.

 

Come usare MyCiTi

 

MyCiTi non accetta contanti sugli autobus. Ogni passeggero di età 4 anni in su ha bisogno la propria carta MyConnect viaggiare. Ottenere il vostro dalle stazioni MyCiTi, tra cui la stazione dell’aeroporto o del Capo Turismo Città Centri Visita (aeroporto, Burg Street, Blaauwberg e caricare la carta con i soldi per il viaggio. Ci sono anche i rivenditori selezionati che vendono le carte e offrono servizi per caricare il denaro sulla carta. Quando si lascia Città del Capo, tenere la carta per la nostra prossima visita alla città. MyCiti fornisce un servizio navetta per gli eventi speciali che si svolgono a Città del Capo e il calendario per gli eventi specifici come per loro termini e condizioni presenti sul sito MyCiti. Tariffe:

 

Le tariffe si basano sulla distanza in chilometri percorsi. Come utilizzare la carta Toccare la carta di MyConnect contro i validatori speciali quando si avvia il cammino e terminare il viaggio. In questo modo si paga la tariffa corretta ed evitare sanzioni. Se si entra o si esce in una stazione, toccare la carta di MyConnect contro il validatore a destra delle porte di accesso e saranno oscillare aperto e si lascia passare. Se si immette ad una fermata dell’autobus lungo la strada, toccare la vostra carta contro i validatori contrassegnati ‘IN’. Quando si esce un autobus a una fermata lungo la strada, toccare la vostra carta contro i validatori contrassegnati ‘OUT’ come si ottiene fuori. Connettiti con l’aeroporto Il servizio MyCiTi Airport offre una sicura, comoda possibilità di viaggiare tra l’aeroporto internazionale di Città del Capo e il centro città. Questo servizio viaggia lungo una corsia bus dedicata in modo che il percorso sarà più breve di 20 minuti.

 

AEROPORTO – Centro Civico – WATERFRONT (ROUTE A01)

 

Partenze giornaliere:

 

Waterfront per l’aeroporto

04: 05-21: 25 – ogni 20 minuti

Civic Centre per l’aeroporto

04:20 -21: 40 – Ogni 20 minuti

 

Civic Centre Waterfront

06: 25-09: 30 – ogni 10 minuti

09: 30-15: 30 – ogni 20 minuti

15: 30-19: 00 – ogni 10 minuti

19: 00-22: 45 – ogni 20 minuti

 

Aeroporto a Waterfront

04: 55-22: 20 – ogni 20 minuti

 

Dal centro si può prendere un autobus che collega:

 

Atlantic Seaboard:

 

101 Vredehhoek – Giardini – Civic Centre

102 Salt River treno – Walmer Estate – Civic Centre

103 Oranjezicht – Giardini – Civic Centre

104 Sea Point – Waterfront – Civic Centre

105 Sea Point – Fresnaye – Centro Civico

106 Waterfront Silo – Centro Civico – Camps Bay (in senso orario)

107 Waterfront Silo – Centro Civico – Camps Bay (in senso antiorario)

108 ore Bay – Hangberg – Sea Point – Centro Civico

109 ore Bay – Imizamo Yethu – Sea Point – Centro Civico

 

Costa ovest:

 

T01 Civic Centre – Table View

213 West Beach – Table View – Sunningdale

214 Big Bay – Table View – Parklands

215 Sunningdale – Gie Road – Legno

216 Sunningdale – Legno Unità – Legno

250 Dunoon – Montague Gardens – Century City

251 Montague – Century City

 

(Source: www.mycapetown.it)

Soggetto AIRE: notifica degli atti presso l’ultimo domicilio fiscale

 

Come noto, l’articolo 2, comma 2, del D.P.R. 917/1986 dispone che: “ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile”. Per realizzare il requisito della maggior parte del periodo d’imposta occorre superare, nel corso dell’anno, 183 giorni ossia 184 giorni in caso di anno bisestile.

 

Quindi, in estrema sintesi, gli elementi che radicano la residenza fiscale delle persone fisiche in Italia sono:

 

 

Qualora un cittadino italiano intenda emigrare all’estero dove stabilire la propria residenza fiscale, dovrà provvedere alla cancellazione dall’anagrafe della popolazione residente del suo comune di residenza e, simmetricamente, iscriversi all’AIRE (anagrafe italiani residenti all’estero – istituita con la Legge 27 ottobre 1988, n. 470), ossia un archivio che riporta i tutti i dati dei cittadini italiani che risiedono all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi.

 

In particolare, con l’iscrizione all’AIRE la persona fisica emigrata all’estero può esercitare importanti dirittiquali, ad esempio:

 

  • votare per le elezioni politiche e referendum per corrispondenza nel Paese di residenza;
  • ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché il rinnovo della patente di guida.

 

Con riferimento ai criteri idonei per l’individuazione della residenza fiscale, la C.M. 304/E/1997 (Ministero delle Finanze Direzione centrale accertamento e programmazione) ha chiarito che: “La cancellazione dall’anagrafe della popolazione residente e l’iscrizione nell’anagrafe degli italiani residenti all’estero non costituisce elemento determinante per escludere il domicilio o la residenza nello stato ben potendo questi ultimi essere desunti con ogni mezzo di prova anche in contrasto con le risultanze dei registri anagrafici. Da ciò discende che l’aver stabilito il domicilio civilistico in Italia ovvero l’aver fissato la propria residenza nel territorio dello Stato sono condizioni sufficienti per l’integrazione della fattispecie di residenza fiscale, indipendentemente dall’iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente”.

 

La suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 23354/2017 depositata in data 6 ottobre 2017, si è espressa circa il luogo di notifica di atti impositivi nei confronti del contribuente emigrato all’estero.

 

Nello specifico, gli ermellini hanno risolto la questione relativa alla corretta notifica degli avvisi di accertamento emessi prima della cartella di pagamento, che il soggetto passivo riteneva irregolarmente effettuata presso il domicilio fiscale, identificato dall’ultima residenza del contribuente trasferitosi in un paese a fiscalità privilegiata.

 

In particolare, secondo la tesi della ricorrente, in seguito al trasferimento all’estero e all’iscrizione all’AIREeffettuata in epoca antecedente alle notifichel’Amministrazione finanziaria avrebbe dovuto notificare gli atti impositivi nel Paese estero della nuova residenza.

 

La persona fisica, originariamente residente in Italia, aveva trasferito la propria residenza in uno Stato a fiscalità privilegiata (di cui alla black list ex D.M. 4 maggio 1999), in relazione al quale opera la presunzione legale relativa di residenza nel territorio dello Stato italiano (ex articolo 2, comma 2-bis, del D.P.R. 917/1986).

 

In merito, il supremo giudice ha dapprima chiarito che per i soggetti emigrati in Stati o territori a fiscalità privilegiata il domicilio fiscale è quello previsto dall’articolo 58, comma 2, terzo periodo, del D.P.R. 600/1973, ovvero il “comune di ultima residenza nello Stato”.

 

Inoltre, secondo la Corte di Cassazione, l’Amministrazione finanziaria ha correttamente effettuato la notifica degli avvisi di accertamento impugnati presso il comune italiano di ultima residenza fiscale (rectius il domicilio fiscale dove il soggetto risulta anche iscritto ai fini AIRE).

 

Source: https://www.ecnews.it/soggetto-aire-notifica-degli-atti-presso-lultimo-domicilio-fiscale/